LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

 

Il primo valore che ci deve guidare in questa sfida è la centralità della persona, in sé e nelle sue proiezioni relazionali: la famiglia, quale luogo delle relazioni affettive; il lavoro, quale espressione di un progetto di vita; la comunità e il territorio, quali ambiti di relazioni solidali.

 

[....]

 

Un modello sociale [....] si realizza non solo attraverso le funzioni pubbliche, ma anche riconoscendo, in sussidiarietà, il valore della famiglia, della impresa profittevole e non, come di tutti i corpi intermedi che concorrono a fare comunità.

[....]

L’attenzione ai meriti e ai bisogni delle persone potrà consentire di meglio coniugare le esigenze della sostenibilità con quelle della equità. Rinnovate politiche per lo sviluppo sociale non sono rivolte al solo obiettivo di una più equa distribuzione della ricchezza, ma risultano funzionali esse stesse a una maggiore capacità di crescita della nostra economia perché riducono il bisogno, alimentano la qualità del capitale umano, stimolano la mobilità sociale, determinano nuovi lavori.

[....]

Al rinnovamento interno deve peraltro corrispondere un convinto impegno nella dimensione internazionale. Il processo di liberalizzazione degli scambi commerciali deve essere accompagnato dal riconoscimento universale di alcuni diritti fondamentali della persona in modo che sviluppo economico e dimensione sociale procedano ovunque di pari passo.

[....]

Si affermano diffusamente i criteri della economia sociale di mercato, quale sola prospettiva che consente di far coesistere, all’interno del medesimo sistema, efficienza e giustizia sociale.

[....]

Le persone prima di tutto, nei provvedimenti anticrisi e nella costruzione del nuovo Welfare. Le persone fine ultimo di ogni azione politica e valore fondamentale nella società che verrà dopo la crisi.

PEOPLE FIRST!!

Maurizio Sacconi

Primo Premio europeo per l'imprenditoria sociale e la Disabilità: promuovere gli investimenti sociali

1° Premio europeo per l'imprenditoria sociale e la disabilità: promuovere gli investimenti sociali


Banner logo premio

La Fondazione ONCE, con il supporto di un gruppo di aziende e organizzazioni, tra le quali la Commissione europea e, per l'Italia, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha lanciato il 1° Premio europeo per l'imprenditoria sociale e la disabilità: promuovere gli investimenti sociali.


Lo scopo del premio consiste nel promuovere un investimento sociale che si concentri sul miglioramento del capitale umano e la promozione della coesione sociale.


Il premio persegue due degli obiettivi proposti dalla strategia Europa 2020:

  • La promozione di iniziative imprenditoriali che creano occupazione
  • La promozione della coesione sociale, attraverso l'inclusione della disabilità in materia di imprenditorialità, nonché il riconoscimento di iniziative imprenditoriali guidate da persone con disabilità


Il progetto vincitore sarà premiato con un contributo finanziario di € 6.000 e la consulenza specializzata per sviluppare, migliorare o potenziare il progetto, fornita da esperti legati a questa iniziativa.


La cerimonia di premiazione avrà luogo durante la manifestazione "imprenditori sociali: Dite la vostra!" organizzata dalla Commissione europea a Strasburgo il 16 e 17 gennaio 2014.


Come partecipare?


Se si dispone di un progetto con un business plan chiaro e praticabile, o una start-up con una durata di meno di 1 anno, ci sono due modi per partecipare:


- Essere un imprenditore sociale con un progetto nel settore della disabilità
- Essere un imprenditore con una disabilità con un progetto innovativo


Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo di domanda che meglio si adatta al progetto, e inviarlo via e-mail insieme ai documenti supplementari richiesti nelle condizioni legali del premio. Il modulo di domanda e le informazioni fornite devono essere in inglese.


Per maggiori informazioni, e per scaricare la documentazione necessaria, è possibile visitare il sito web del progetto (in inglese): http://www.csr-d.eu/social-entrepreneurship-and-disability-award/


Le domande possono essere presentate a partire dal 4 ottobre al 15 novembre 2013. Soltanto le candidature pervenute via e-mail saranno accettate: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.